Come illuminare un ufficio o studio

Quando svolgiamo un'attività professionale o di studio in un ambiente chiuso è essenziale una illuminazione ottimale per ottenere il massimo del rendimento. La luce, infatti, mantiene vigili e dinamici e ci consente di non affaticare la vista durante la lettura di un testo o la digitazione al pc.

Innanzitutto occorre considerare la fonte di luce naturale e posizionare gli arredi e i punti luce artificiali in funzione di essa. Il tavolo di lavoro deve essere posto accanto alla finestra che con un adeguato sistema di oscuramento, quale può essere una tenda o una serranda da regolare a seconda delle ore della luce del giorno, può fornire un'ottima fonte di luce in grado di ridurre sensibilmente i consumi.

Normativa sull'illuminazione

Illuminazione ufficio

Per quanto riguarda la luce artificiale, la normativa europea sui luoghi di lavoro ci fornisce anche utili indicazioni per la scelta della migliore illuminazione: bisogna tenere conto di sicurezza e comfort visivo. In altri termini bisogna individuare il giusto livello di illuminamento evitando sia l'abbagliamento che la scarsa luminosità, entrambi causa di affaticamento visivo e di scarso rendimento.

Considerate le fonti di luce naturale, è consigliabile optare per lampade da parete o a sospensione che consentano di raggiungere tutti i piani di lavoro con una corretta angolazione. Per i punti più bui, una buona soluzione è data dalle piantane che, poste vicino alle scrivanie, aumentano la visibilità e contribuiscono anche ad arricchire l'arredamento di spazi molto ampi che spesso risultano vuoti. In caso di necessità un'ulteriore soluzione è data dalle lampade da tavolo che consentono di regolare al meglio l'angolazione della luce.

Ridurre i consumi

Se vi è l'esigenza di ridurre al massimo i consumi, poi, si può optare per l'installazione di sensori di presenza, a condizione che sia garantita sempre una buona luminosità, magari mantenendo una luce fissa a basso consumo.

Per quanto riguarda la scelta del tipo di lampada, in linea generale può dirsi che per le lampade a sospensione o da parete sono preferibili quelle fluorescenti compatte o quelle tubolari dai 16 mm in su che riescono a contemperare le esigenze di luminosità e di qualità della luce con un basso consumo energetico. Per le lampade da tavolo, invece, sono preferibili luci alogene. Le lampade LED, infine, sebbene più costose, tendono a dare una maggiore illuminazione e a riscaldare meno nonchè a garantire un ulteriore risparmio in bolletta.

  • Illuminazione ufficio
  • Illuminazione ufficio
  • Illuminazione ufficio
  • Illuminazione ufficio
  • Illuminazione ufficio

Per qualsiasi informazione o critica puoi commentare di sotto.

Pubblicizza gratis la tua attività

Pubblicizzati Gratis

- Hai un negozio di arredamento?
- Hai un sito web e-commerce che tratta arredo?
- Sei un trasportatore di mobili?
Pubblicizza gratis la tua attività. Occorrono solo pochi dati per avere tanti vantaggi.

Approfittane
Aziende traslochi in italia

Traslochi

Scegli la ditta di traslochi più competitiva nella tua città.

Vedi tutto